News

Fiaip: Subito Stop all' imu e niente pasticci.

Righi (Fiaip): L'esecutivo inizi a lavorare su un pacchetto complessivo di provvedimenti economici e fiscali per famiglie ed imprese

 

Non è sufficiente un solo provvedimento per far ripartire l’economia e il  Paese,  ma serve un disegno complessivo di riordino del sistema fiscale ed economico individuando gli interventi prioritari per uscire dalla crisi. Oggi, sono le fasce di reddito più basse a pagare più Imu. Tra questi  tanti disoccupati, milioni di pensionati e lavoratori autonomi  che sono in affanno nel nostro Paese e si trovano obbligati a dover pagare l’Imu sulla prima casa . Cresce, inoltre,  il numero di aziende e piccole imprese  a rischio chiusura a causa dell'oppressione fiscale  che sta minando l'economia del Paese.

Fiaip si augura che il Consiglio del Ministri discuta e approvi questo pomeriggio la  sospensione della rata dell' Imu di giugno e si occupi delle risorse necessarie anche per far fronte alle urgenze del Paese , ma è assolutamente necessario determinare un’agenda di provvedimenti che nel suo complesso alleggeriscano la pressione fiscale sulle famiglie e le imprese, come prospettato dal Presidente del Consiglio Letta nel suo discorso di insediamento a capo del Governo.

Per uscire dalla crisi  il Paese ha la necessità  di intervenire urgentemente con un pacchetto di provvedimenti che non soddisfi gli interessi di un solo comparto economico.  Ci auguriamo  che già lunedì il Parlamento  possa discutere  ed esaminare un agenda complessiva di provvedimenti anticrisi per il rilancio dell’economia e per la crescita, considerando il quadro di finanza pubblica nel rispetto degli impegni europei per i saldi di bilancio 2013-2014.

La pressione fiscale in capo alle famiglie e alle imprese va dunque ridotta, compatibilmente con i vincoli di bilancio, interrompendo la spirale che penalizza famiglie e Pmi che dovrebbero beneficiare della sospensione del versamento della rata Imu.

“Chi gioca contro altre categorie non fa il bene del Paese”. Fiaip precisa che non basta un solo provvedimento  per far uscire il Paese dalla crisi e rilanciare l’economia, così come hanno sostenuto alcune associazioni di categoria che hanno dichiarato prioritario l’intervento esclusivamente sulla tassazione sul lavoro: “Non siamo d’accordo con chi vuole la guerra tra casa e lavoro  – dichiara Paolo Righi, Presidente Nazionale Fiaip -  e con quelle associazioni che sostengono un’unica priorità per far ripartire l’economia. Questa è una visione oltremodo miope e corporativistica,  che fa leva solo su interessi di parte,  invece di rappresentare un disegno complessivo ad ampio raggio per far uscire il Paese dalla crisi ed incontrare gli interessi di tutti gli italiani”

Per queste ragioni Fiaip ritiene come,  oltre ad un pacchetto di detrazioni che serva al rilancio del comparto immobiliare, sia necessario abbattere il cuneo fiscale sul lavoro, vada evitato il previsto aumento dell'Iva, rinviato il debutto della Tares, e realizzato il  taglio dell’Irap  per le piccole e medie  imprese che assumono.

Roma, 9 maggio 2013

Fonte: Ufficio Stampa

Reset CERCA

 

 

 

Gruppo è casa

 


Ufficio di Thiene
Via Meucci, 4
36016 Thiene (VI)


Tel. +39 0445 38 36 38
Fax. +39 0445 37 42 24


P.Iva 03049950243 - INFO SOCIETARIE

 


Ufficio di Castelfranco
Via San Pio X, 44
31033 Castelfranco Veneto (TV)


Tel. +39 0423 49 17 81
Fax. +39 0423 77 01 25


P.Iva 03777510268

FACEBOOK CORNER


Richiedi la nostra amicizia
Riciedi l'amicizia
Clicca su mi piace

 

ASSOCIATO

FIAIP